L’idroterapia come cura

Le applicazioni di acqua con finalità terapeutiche costituiscono uno dei più antichi procedimenti curativi, ben noti agli Egizi ai Greci, ai Romani.

La parola “idroterapia” viene dal greco e significa “ cura con l’acqua”, tuttavia l’efficacia dei procedimenti idroterapici non è dovuta all’acqua in sé, bensì ai tre diversi stimoli che i  trattamenti possono indurre:

  1. Termici, (freddo-caldo)
  2. Meccanici, (maggiore o minore pressione sulla pelle)
  3. Chimici, se all’acqua si aggiungono prodotti naturali con qualità medicamentose come erbe e fiori.

Gli stimoli termici  determinano una reazione locale dei vasi sanguigni e per via riflessa sugli organi e tessuti anche lontani dal punto stimolato.

Le applicazioni idroterapiche effettuate:

  • nella zona compresa tra piede e la cresta iliaca (pelvi), agiscono sul sistema urogenitale
  • nella zona compresa tra la cresta iliaca e la settima vertebra dorsale agiscono sugli organi addominali
  • nella zona compresa fra la settima vertebra dorsale, le braccia o le spalle oppure la nuca, influiscono sia sul cuore sia sui polmoni.

Le regole base per l’uso dell’acqua

Le applicazioni possono essere fredde o calde. Le applicazioni fredde vanno effettuate in un ambiente caldo e anche tutto il corpo deve essere ben riscaldato.

A parte quelle del mattino e quelle che favoriscono la digestione, le applicazioni non vanno effettuate a stomaco completamente vuoto, né troppo pieno.

L’idroterapia giova anche alle persone malate, purché queste siano seguite durante il trattamento.

In genere le applicazioni calde durano fino a 30 minuti, mentre quelle fredde non superano i 5 minuti.


Le principali tecniche

Spugnature

  • Si immergono spugna o asciugamano in acqua fredda e si passa sulla parte da trattare con movimenti rapidi, per 1 o 2 minuti.
  • Sono utili per rinvigorire lo stato di salute generale, in caso di infezione delle vie respiratorie superiori,di disturbi cardiocircolatori e di reumatismo articolare, nei processi febbrili, per combattere nervosismo e insonnia.

Docce

  • Calde, fredde o alternate possono essere complete o interessare solo alcune parti del corpo. Solitamente si comincia con l’acqua calda e si conclude con l’acqua fredda.

  • Le indicazioni sono molteplici: disturbi circolatori, dolori di origine reumatica o traumatica, malattie da raffreddamento, stanchezza, mal di testa.

Bagni

  • Caldi o freddi o alternati si possono fare anche al mare, nei fiumi e nei laghi; possono essere totali o riguardare singole parti del corpo (per esempio, semicupio, pediluvio, bagno al viso).
  • In genere i bagni stimolano la circolazione, il metabolismo, sono utili in caso di disturbi cardiaci, nervosi e funzionali, insonnia, stanchezza, disturbi dell’apparato genitourinario, disturbi reumatici, ipertensione.

Impacchi e compresse

  • Si avvolge intorno alla parte da trattare un panno, precedentemente immerso in acqua calda o fredda, secondo la necessità (si possono aggiungere  all’acqua erbe curative o tisane sudorifere); sopra si avvolge un panno asciutto più grande; gli impacchi  freddi vanno tenuti non più di 30 minuti, quelli caldi anche per 60 minuti.
  • Impacchi e compresse servono per distendere i muscoli e gli organi interni, calmare i nervi, alleviare le infiammazioni, espellere le tossine attraverso la pelle, stimolare la circolazione; le compresse fredde sono  particolarmente utili in caso di traumi o gonfiori.

Vapori

  • Il bagno di vapore ( che può essere anche parziale) è un bagno di sudorazione, la temperatura del corpo aumenta, i vasi sanguigni si dilatano e il sangue circola nella pelle e negli organi in quantità maggiore, sciogliendo le tossine e favorendo l’espulsione attraverso la pelle, reni e polmoni. Le tossine espulse saranno poi rimosse con l’acqua fredda.

Altre tecniche di idroterapia sono l’idromassaggio, la borsa ( calda o del ghiaccio), le irrigazioni interne, l’acqua da bere, i cataplasmi.

Tratto da Natura e salute Guide Benessere Edizioni Red

Leggi anche:

L’importanza dell’acqua pura

La salute proviene anche da un intestino pulito

Tè la gelsomino un segreto di longevità


 

About Alimentazione Benessere 502 Articoli
Il Progetto di Educazione Alimentare e Benessere del sito www.alimentazione-benesesere.it, ha lo scopo di sensibilizzazione e divulgazione dei principi generali di una corretta alimentazione e del benessere psico-fisico, con l’unico obiettivo di condivisione e non quello di lucro; ci avvaliamo di testi di eminenti autorità in campo dell’alimentazione e del benessere, citandone sempre l’autore in fondo all’articolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*