Perché non consumare il glutammato

Il glutammato si trova allo stato naturale in alcuni cibi come la salsa di soia, il parmigiano e le alghe, ma si può ottenere industrialmente dalla melassa.

Viene classificato come E 620 oppure E 621, esalta i sapori senza dare gusto di salato e rende appetibili anche ingredienti scadenti e sgradevoli. In genere è uno degli ingredienti dei dadi da cucina, fatta eccezione per quelli vegetali e biologici.

Il glutammato può scatenare:

  • Cefalee da ipersensibilità e indurre i tessuti a trattenere liquidi ancor più del sale, causando gonfiori e ipertensione.

E’ quindi da evitare come il guanilato disodico (E627) e l’inosilato disodico(E 631), altri esaltatori di sapidità.

Il problema è, che queste sostanze non vengono considerate ingredienti, e quindi non vengono dichiarate “coadiuvanti tecnologici”, sostanze inorganiche usate nella produzione che possono dar luogo a presenza di pesticidi nel prodotto finito.

Tratto da Prevenire i tumori mangiando con gusto Di Anna Villarini e Giovanni Allegro Sperling & Kupfen Editori

Il glutammato monosodico, viene usato in zuppe, brodi di carne, salse e sughi di carne, nei condimenti aromatizzati o speziati, così come nelle carni in scatola o conservate e nei preparati per brodo e in molti altri prodotti confezionati (salatini, crakers, semi tostati, preparati con gelatina, purea in fiocchi ecc.).

Sembra che siano sufficienti 5 g di glutammato monosodico per provocare in alcuni soggetti:

  • Tensioni, calori, eccitazioni, vertigini, nausee, mal di testa, contrazioni muscolari.

Per tutte queste ragioni è sconsigliato l’uso di alimento contenenti glutammato monosodico specialmente nell’alimentazione dei bambini e anziani.

Tratto da I Veleni nel piatto di Maurizio Re Demetra Editore

Utilizzare dadi vegetali granulari, miso, spezie, erbe aromatiche e gomasio per insaporire in modo salutare i cibi.

 

Leggi anche:

Il gomasio al posto del sale

I più comuni errori nell’alimentazione

Cosa fare per i gonfiori intestinali


 

About Alimentazione Benessere 501 Articoli
Il Progetto di Educazione Alimentare e Benessere del sito www.alimentazione-benesesere.it, ha lo scopo di sensibilizzazione e divulgazione dei principi generali di una corretta alimentazione e del benessere psico-fisico, con l’unico obiettivo di condivisione e non quello di lucro; ci avvaliamo di testi di eminenti autorità in campo dell’alimentazione e del benessere, citandone sempre l’autore in fondo all’articolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*