Involtini di cavolo con patate e funghi

Un modo gustoso di cucinare il cavolo tanto preziosa per la nostra salute.

Ingredienti:

  • 200 g di patate
  • 4 grandi foglie di cavolo bianco
  • 2 cucchiai di ricotta o di panna vegetale
  • 100g di funghi
  • 50 g di mandorle
  • 1 cucchiaio di erba cipollina tritata
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di capperi tritati
  • 1 cucchiaio di semi di coriandolo tritati
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Un pizzico di curcuma in polvere

Preparazione:

  1. Bollire le patate in acqua salata
  2. La vare le foglie di cavolo, sbollentarle e lasciarle asciugare
  3. Cuocere le patate mantenendolo sode, scolarle, sbucciarle e affettarle
  4. Passatele in un tegamino con l’olio e i funghi e la ricotta
  5. Insaporite poi con l’erba cipollina, il prezzemolo e le mandorle a lamelle ei capperi.
  6. Amalgamate il tutto e quindi togliete il tegame dal fuoco.
  7. Riempite ogni fogli di cavolo con ¼ di ripieno, avvolgete bene le foglie e chiudete con uno stuzzicadenti.
  8. Versate un poco d’olio n una padella, disponetevi gli involtini e fateli saltare a fiamma viva sino a quando le foglie risultino dorate da ogni parte.
  9. Spolverate con la curcuma e il coriandolo e salate, inumidendo con qualche cucchiaio di acqua calda.

10.  Coprite la padella e alzate la fiamma per 1 minuto. Poi riducetela la fiamma e cuocete fino ad evaporazione completa.

11.  Solo allora scoprite la padella lasciando al fuoco ancora per qualche istante prima di portare a tavola.

Ricetta tratta da Erbe buone per la salute Edizioni Giunti Demetra

About Alimentazione Benessere 502 Articoli
Il Progetto di Educazione Alimentare e Benessere del sito www.alimentazione-benesesere.it, ha lo scopo di sensibilizzazione e divulgazione dei principi generali di una corretta alimentazione e del benessere psico-fisico, con l’unico obiettivo di condivisione e non quello di lucro; ci avvaliamo di testi di eminenti autorità in campo dell’alimentazione e del benessere, citandone sempre l’autore in fondo all’articolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*