Il Finocchio contro i gonfiori intestinali

Pianta erbacea nota fin dall’antichità, soprattutto per l’intenso aroma dei suoi semi e per il sapore aniciato

 

della polpa, il finocchio (Foeniculum vulgare) è un ortaggio della famiglia delle Ombrellifere, (come i sedani, le carote e il prezzemolo), tipico di tutto il bacino del Mediterraneo.

La parte commestibile è costituita dalle larghe e carnose guaine basali della foglie che, sovrapponendosi, formano un ingrossamento rotondeggiante (grumolo) compatto e grosso di colore bianco-verdino.

Ha consistenza croccante e sapore dolce. Apprezzato per il basso potere calorico, questo ortaggio è fonte di vitamina A, B, e C, ed è un’eccellente fonte di potassio se consumato crudo.

Del finocchio di conservano  solo i semi facendo seccare le ombrelle, raccolte in mazzetti in un posto all’ombra, quindi si battono per far uscire dai frutti i semi. Una volta ripuliti dai gusci e dalle impurità, questi si conservano in sacchetti di tela o barattoli di vetro.

Proprietà:

  • Digestive, stimolanti e diuretiche
  • Stimola l’appetito e migliora la digestione.
  • Aiuta a liberarsi dal meteorismo e dall’aerofagia.
  • Combatte la diarrea e le coliche intestinali.
  • È un antispasmodico intestinale, che dà sollievo agli spasmi e ai crampi intestinali.
  • E’ uno stomachico, che tonifica e rinforza lo stomaco.
  • E’ anodino, che guarisce o allevia il dolore.
  • Inoltre il finocchio contiene sostanze dette” fitoestrogeni” che lo rendono utile nelle terapia di molti disturbi femminili, in particolare in menopausa.
  • Per uso esterno, invece, il finocchio può essere utilizzato contro il rossore degli occhi dovuto a congiuntivite e blefarite.
  • I semi di finocchio sono ricchi di anetolo, essenza ad azione antibatterica dall’aroma simile all’anice.

Consigli:

  • Chi soffre di gonfiori all’intestino dovuti a scorrette fermentazioni, che formano eccessivi gas intestinali provocando dolori e spasmi, proverà giovamento bevendo mezza tazza di decotto di semi di finocchio mezz’ora prima dei pasti e l’altra mezza tazza mezz’ora dopo; in questo modo si facilita la digestione e si eliminano l’aria intestinale e i dolori alla milza.

Crudo intero o affettato, in pinzimonio o nelle insalate, lessato o gratinato, il finocchi incontra il gusto di tutti; ha poche calorie e un sapore fresco che ricorda l’anice.

Dolci cure e rimedi con erbe e piante medicinali Edizioni Del Baldo

Frutta e ortaggi in Italia Touring Club Italiano

Le Erbe delle nonne Edizioni Key Book


Leggi anche:

Il carciofo è depurativo e drenante

Il Gomasio al posto del sale

Mangiare per dimagrire



About Alimentazione Benessere 502 Articoli
Il Progetto di Educazione Alimentare e Benessere del sito www.alimentazione-benesesere.it, ha lo scopo di sensibilizzazione e divulgazione dei principi generali di una corretta alimentazione e del benessere psico-fisico, con l’unico obiettivo di condivisione e non quello di lucro; ci avvaliamo di testi di eminenti autorità in campo dell’alimentazione e del benessere, citandone sempre l’autore in fondo all’articolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*