Il Miglio il cereale della bellezza

Il miglio viene anche chiamato il cereale della bellezza perché con il suo alto contenuto in acido salicilico

 

è utile per i capelli,  le unghie, i denti, la pelle e le arterie.

E’ molto scarso di amidi  e quindi adatto nelle diete e per i diabetici.

E’ molto digeribile quindi da preferire dagli studenti ai quali la digestione degli amidi sottrae energia al cervello e per le donne in stato di gravidanza.

E’ il cereale più ricco di vitamina A.

Il suo alto contenuto di magnesio, ferro, silicio, manganese e fosforo lo rende utile per le cellule nervose ematiche e per la calcificazione ossea.

Tratto da Sei ciò che mangi di Daniela Giglio Clerico Editore

 

Il miglio apporta all’organismo proteine in misura maggiore rispetto a frumento e riso.

Il chicco non contiene glutine è quindi adatto alla dieta di chi è intollerante a tele sostanza.

Ricco di Vitamina A, e del gruppo B, e di aminoacidi che stimolano la produzione di cheratina, quindi rafforza capelli, ciglia, denti e unghie.

Ha proprietà depurative, equilibrante, lenitiva, ricostituente, rinfrescante e vitalizzante.

Questo lo rende un alimento consigliato in caso di affaticamento fisico e psichico, in fase di convalescenza, gravidanza, allattamento, nei problemi digestivi e in presenza di ulcera gastrica.

Facile e rapido da cucinare, il miglio in chicchi ha un caratteristico sapore dolce e gradevole, che lo rende particolarmente appetitoso.


Tratto da I Cereali proprietà, usi e virtù Demetra Edizioni


Leggi anche:

Le virtù dell’avena

Cosa fare per i gonfiori intestinali

La dieta antinfiammatoria

 


About Alimentazione Benessere 501 Articoli
Il Progetto di Educazione Alimentare e Benessere del sito www.alimentazione-benesesere.it, ha lo scopo di sensibilizzazione e divulgazione dei principi generali di una corretta alimentazione e del benessere psico-fisico, con l’unico obiettivo di condivisione e non quello di lucro; ci avvaliamo di testi di eminenti autorità in campo dell’alimentazione e del benessere, citandone sempre l’autore in fondo all’articolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*